Home Page - Passo del Brigante

Vai ai contenuti

Menu principale:

Home Page


Edificio antico restaurato completamente, nel bellissimo centro storico di RAPINO, il B&B IL RIFUGIO DEL BRIGANTE, vi offre locali accoglienti e particolari nella loro bellezza, attrezzati di cucine e servizi sanitari indipendenti per ciascuna camera, locali climatizzati e tv.
In uno scenario immerso nella natura, in un piccolo Borgo in pietra troverete il completo relax  e riservatezza.

Città di RAPINO
Comune della provincia di Chieti, alle pendici del versante nord-orientale della Majella, attraversato da torrenti affluenti del fiume Foro, altitudine del centro abitato di m 400 s.l.m., ma la parte montana arriva a m 1900 in prossimità del Rifugio Pomilio in località Majelletta, la maggior parte del territorio fa parte del Parco Nazionale della Majella
Essendo situata in parte in collina e in parte in una vallata, ad un'altezza di circa 400 m s.l.m., il clima di Rapino è da considerare come temperato fresco-mediterraneo, con inverni spesso rigidi con una media a gennaio che non supera i 5 °C, ed estati abbastanza calde, con una media a luglio intorno ai 23 °C. Le precipitazioni sono comprese tra i 900 e i 1000 mm di pioggia e concentrate soprattutto in primavera e in autunno, mentre nel periodo invernale le precipitazioni nevose possono essere frequenti e abbondanti.
Il centro di antichissima origine, interessato da stanziamenti umani di diverse epoche, con vari reperti di epoca preistorica, di epoca romana, e successive, da citare del paleolitici la Grotta del Colle in cui è stata ritrovata la dea di Rapino conservata nel Museo Archeologico di Chieti, nelle vicinanze, però del periodo italico è stata trovata La Tabula Rapinensis, targa con incisioni in dialetto osco-marrucino recuperata dallo studioso tedesco di storia romana Theodor Mommsen e trasferito in Germania, è stata conservata fino alla Seconda Guerra mondiale nel Pergamonmuseum di Berlino, successivamente all'invasione russa trasferito nel museo Puskin di Mosca in Russia. Nelle vicinanze, dell'attuale centro abitato, si trovano i resti di una fortificazione con mura megalitiche, resti di abitazioni a capanne, resti di un'ara sacrificale identificato come Touta Marouca e successivamente come Civita Danzica. In epoca medievale il paese vi furono, invece testimonianze monastiche. Nel XV secolo fu feudo degli Orsini e successivamente dei Colonna di Roma.
Rapino è tra le Città decorate al Valor Militare per la Guerra di Liberazione, il riconoscimento è avvenuto con il conferimento della Croce di Guerra al Valor Militare in data 26 giugno 1975 per i sacrifici della popolazione e per la sua attività nella lotta partigiana durante la seconda guerra mondiale per il "valido contributo di valore alla causa della liberazione".


Old building completely refurbished in the beautiful historical center of RAPINO, the B & B Il Rifugio del Brigante, offers comfortable rooms and special in their beauty, equipped kitchens and health services independent for each room, air-conditioned rooms and TV.
In a scenario surrounded by nature, in a small village in stone you will find the complete relaxation and privacy.

City of RAPINO
Town in the province of Chieti, on the slopes of the north-eastern part of the Majella, crossed by streams tributary of the River Forum, altitude of the town of 400 m above sea level, but the mountain reaches 1900 am near the Refuge Pomilio Majelletta in place, the Most of the territory is part of the Majella National Park
Being located in the top of a hill and partly in a valley, at an elevation of about 400 m above sea level, the climate of Rapino is to be considered as cool temperate-Mediterranean winters are often rigid in January with an average of no more than five ° C, and summers are quite hot, with an average in July around 23 ° C. Rainfall is between 900 and 1000 mm of rain and concentrated in spring and autumn, while in winter snowfall can be frequent and abundant.
The center of ancient origin, affected by human settlements of different periods, with various relics of the prehistoric, Roman, and later, by the mention of Palaeolithic Cave Hill where it was found the idea of ​​Rapino preserved in the Archaeological Museum of Chieti, in the vicinity, but the period was found Italic The Tabula Rapinensis, plate with engravings in dialect-Osco Marrucino recovered by the German scholar of Roman history Theodor Mommsen and moved to Germany, has been preserved until the Second World War in the Pergamon Museum in Berlin then transferred to the Russian invasion Pushkin Museum of Moscow in Russia. Nearby, of the town, are the remains of a fortification with megalithic walls, the remains of houses in huts, the remains of sacrificial altar identified as Touta Marouca and later as Civita Gdansk. In medieval times the country there were, testimonials monastic instead. In the fifteenth century it was a fief of the Orsini and the Colonna later in Rome.
Rapino is among the cities decorated for valor in the War of Liberation, control is achieved with the contribution of the Military Cross for valor on June 26, 1975 for the sacrifices of the people and for his work in the resistance during the second World War II for the "valuable contribution of value to the cause of liberation."

Torna ai contenuti | Torna al menu